Maurizio e dintorni

appunti di viaggio….ma non solo

17. Dalla Ciociaria ad Anzio

Il soldato inglese W. H. Mc Kenzie, aveva appena 19 anni quando la sua brevissima vita venne spezzata ad Anzio il 29 febbraio del 1944. La sua lapide è una delle tante (circa 2.500) del cimitero inglese, che si trova non appena entrati nella cittadina laziale. Vi entro nel tardo pomeriggio quando ancora non so dove starò questa notte. Sono l’unica persona in visita e l’emozione mi sale nel leggere i nomi e le date di nascita che ne raccontano le giovani età, la morte dovuta ad una guerra assurda, come assurde sono sempre state le guerre volute per la sete di potere e per l’odio razziale ed etnico, quando non imposte per motivi economici e/o per nascondere le proprie disfatte “interne”.

La prima volta che sentii il nome di Anzio http://www.comune.anzio.roma.it fu tanti anni fa, credo intorno alla metà degli anni sessanta, grazie ad una canzone de Los Marcellos Ferrial, dal titolo “Angelita di Anzio”, tratta dalla vera storia di una bambina rimasta orfana durante la battaglia tra gli alleati e i tedeschi. Venne “adottata” dai liberatori che la chiamarono appunto Angelita, ma morì durante un bombardamento insieme ad una crocerossina cui era stata affidata.

L’epilogo della giornata è la sistemazione in un buon albergo vicino al centro di Anzio, ma soprattutto fronte-mare. Mentre scrivo ho la porta del balcone aperta, vedo e sento il mare. Ho mangiato in albergo, bene e tutto a base di pesce: Albergo Villa Marina http://www.albergovillamarina.com, che consiglio anche per la gentilezza e la disponibilità dei gestori.

Tornando indietro a questa mattina devo ammettere che dopo aver visto Veroli, l’ennesimo bel paesino aggrappato all’ennesimo verdissimo colle, ho deciso che la vista di un po’ di azzurro- mare non sarebbe stata una brutta idea.

Perciò discendo pian piano lasciandomi alle spalle colline somiglianti a giganteschi trulli, in particolare dopo Frosinone, città che mio malgrado ho dovuto visitare e che – confermando lo scetticismo di tutti i ciociari con i quali ho parlato – si conferma poco attraente. Brutti palazzi, soprattutto buttati qua e la, senza alcun criterio urbanistico serio. Lo affermo con la certezza di non essere smentito da nessuno, anche se di urbanistica non ne ho mai capito un tubo, ma so riconoscere quando una “roba” è bella o no, quando pur non essendo straordinaria è apprezzabile o meno, e il capoluogo ciociaro merita un bel 4, soprattutto lo merita chi l’ha governata in tutti questi anni. Ma la Ciociaria http://www.ciociariaturismo.it non ha deluso le mie aspettative: agli amici che mi seguono consiglio un soggiorno di tre-quattro-cinque giorni da queste parti, una terra ricca di storia, di cucina generosa, di panorami ampi e di persone al tempo stesso miti e simpatiche, per niente “burine” come la cinematografia italo-romana ce le ha fatte conoscere nei decenni passati.

Il “4” lo merita anche chi ha gestito la segnaletica nella provincia di Latina! Credo la peggiore che fino ad ora ho visto. Non vado oltre.

La pianura di Latina è stata luogo delle bonifiche al tempo del fascismo: migliaia di polesani e ferraresi hanno rivoltato e coltivato quelle che allora erano paludi. Qui sono cresciuti i loro figli, i loro nipoti e pronipoti. A testimonianza di ciò che è avvenuto rimangono le insegne di negozi e di tante attività artigianali i cui cognomi ivi stampati o disegnati – Albiero, Ferro, Crepaldi, Marangon, Mancin –  mi ricordano le mie origini, le terre bagnate dal Po e tanti amici e conoscenti che vivono nella mia Collegno.

Domani visita ad Anzio e barra dritta verso il Circeo, Sperlonga e … forse Gaeta.

FOTO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: